SAN ONOFRIO (VV) - PROCESSIONE DELL'AFFRUNTATA 11-04-2010
per saperne di più leggi su Wikipedia          vedi anche il filmato         vedi anche la pagina dei murales

   

Il tradizionale rito dell'Affruntata di Sant'Onofrio, quest'anno, a causa delle note faccende di ordine sociale, si è svolto domenica 11 aprile con una settimana di ritardo rispetto alla data ufficiale. Il clamore suscitato ha portato nel paesino vibonese una folla enorme di fedeli, curiosi, organi di stampa, autorità, rappresentanze civili e militari.
Si è voluto affermare la significativa presenza dello Stato in un territorio che di tale presenza , come tutta la Calabria, ha un significativo bisogno quotidiano. La processione è stata avviata, condotta e conclusa nel migliore dei modi possibili confortata da quello che viene considerato il massimo auspicio: il distacco del mantello nero dalla statua della madonna durante l'Affruntata.  Alla processione hanno partecipato numerose confraternite calabresi e qualcuna da altre regioni; per la prima volta hanno partecipato tutte le confraternite di Amantea.
Un evento avversato da "cattivi pensieri" ha ravvivato lo spirito di partecipazione dei calabresi...bene. 
Antonio Cima

ore 8.30 la Banda di Chiaravalle pronta per l'accompagnamento musicale
come da tradizione gira tutto il paese..è presto..vado con loro
la banda percorre le strade in solitudine
senza corteo ne accompagnatori
si passa dalla chiesa da cui si avvierà la cerimonia
si procede verso la piazza centrale
passando davanti ad altarini
e all'immancabile calvario a tre croci esistente in tutti i paesi del vibonese
passando da strade ancora deserte
la viabilità garantita delle forze dell'ordine disposte lungo il percorso
qualche anziano mattiniero per strada
il più giovane della banda
arriviamo nella piazza centrale..che comincia ad animarsi
questo e lo spazio in cui avverrà l'Affruntata
le varie rappresentanze delle forze dell'ordine
il punto in cui stazionerà la statua della madonna
lascio la banda in piazza con pochi cittadini
vado a visitare la chiesa nella quale si conclude il rito
una chiesa da poco ristrutturata
compostamente arredata e decorata 
passo dal palazzo comunale
nella via sono parcheggiati i mezzi delle rappresentanze delle forze dell'ordine
arrivano i venditori di palloncini
arriva una rappresentanza della protezione civile
cominciano ad arrivare i politici..qui l'on. Francesco Laratta
...l'On. Angela Napoli
l'on. Mariagrazia Laganà vedova fortugno
Ottavio Bruni ex presidente Provincia di Vibo Valentia
l'on. Doris Lo Moro
l'on. Mario Tassone
il Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti
giornalisti Rai
anziani del luogo
e presenze da tanti luoghi della Calabria e oltre
politici e altre figure istituzionali fanno gruppo
la gente si dispone sui balconi e lungo il percorso dell'Affruntata
inizia il rito
il Vescovo e gli altri prelati si portano nella chiesa dalla quale escono le statue
ecco le statue dell'Affruntata
le Confraternite di Amantea partecipano al rito (con loro il Priore di S.Onofrio)
(tra esse quella del S.S. Rosario omonima di quella che organizza il rito)
la sentita partecipazione delle donne
la statua della madonna sorretta dai portatori incaricati per quest'anno
il S.Giovanni portato dai confratelli fa il giro dalla parte ovest del paese
la madonna coperta dal mantello nero va verso la parte est per essere posizionata alle spalle della chiesa
la commozione delle anziane signore al passaggio della statua
intanto balconi e strada gremiti di gente
gruppi familiari e amici
molte televisioni a riprendere
e tutti gli spazi occupati
la Rai intervista il sindaco
l'affollatissimo spazio riservato alle autorità
portatori della madonna posizionati nella parte est per l'Affruntata
le devote signore in religiosa attesa
la figura solenne della madonna avvolta dal mantello nero
la postazione est di avvio dell'Affruntata
i confratelli dalla parte ovest percorrono lo spazio dell'Affruntata per tre volte con S.Giovanni
aumentando progressivamente la velocità chinandosi più volte
poi si avviano i portatori della madonna avanzando e retrocedendo tre volte verso il S.Giovanni da est verso ovest
ed alla fine il mantello nero si stacca dalla statua della madonna
e finisce nelle braccia del priore della confraternita del S.S. Rosario che organizza il rito
la commossa gioia dei fedeli per la positiva conclusione
il pianto liberatorio dall'ansiosa attesa
l'abbraccio dei fedeli e l'ansimare dei portatori
il buon auspicio..
..entusiasma la folla..
..che fiduciosamente s'incolonna per la processione
con la presenza delle confraternite
mentre gli anziani ritornano a casa
le varie confraternite
si accodano
nella parte avanzata del corteo
seguiti dalle statue e dai fedeli
si ripassa sul luogo dell'Affruntata
e si arriva in chiesa
le confraternite..
...ai lati della gradinata attendono...
attendono il passaggio del Vescovo..
..e delle statue
che dai portatori di quest'anno
vengono poste ai piedi dell'altare
viene avviata la celebrazione
della messa cantata
ad officiare è il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea  Mons. Luigi Renzo
in una chiesa gremita
con la presenza di autorità politiche...
...civili e militari
durante la messa
ai lati dell'altare le confraternite
in tanti sono rimasti fuori
finita la messa si defluisce lentamente dalla chiesa
ognuno ritorna nel luogo di provenienza
e anch'io, da dove ho lasciato l'auto, mi avvio per tornare a casa.
foto e commento di Antonio Cima
lungo le strade di Sant'Onofrio si possono ammirare tantissimi murales  vedi pagina dei murales