LA NOTTE BIANCA DI AMANTEA 18-08-2010

   

Totò diceva: "E' la somma che fa il totale". Se della notte bianca guardiamo il totale, dobbiamo convenire che il risultato è stato straordinario. Non partecipo al campionato dei numeri e non azzardo a dire 30,50,70 mila. Per visione diretta, diffusa e prolungata posso solo dire che Amantea è stata letteralmente invasa da gente in cerca di divertimento. Tanta altra gente ha dovuto rinunciare perchè impossibilita ad arrivare o a parcheggiare. Il riscontro dei numeri dice che è stato un gran successo di partecipazione. L'immensa folla ha potuto godere della vasta offerta allestita per le strade cittadine, le attività commerciali di ristoro hanno rimpinguato le sofferenti casse di un'estate così così: tutti ci auguriamo che ciò abbia una ricaduta positiva per il futuro.
Una corretta informazione, una oculata riflessione sull'evento, non può soffermarsi esclusivamente sul totale, ma deve, giustappunto, guardare anche la somma.
Senza ipocrisie e senza condizionamenti psicologici occorre dire che nella
somma qualcosa non è andato come si sperava. Il progetto via Dogana come "Via del Mare" forse doveva rendere di più. Errori di dislocazione e orari incompatibili non hanno consentito ad alcune presente di avere il risalto che meritavano.
Qualche polemica si è sviluppata sull'organizzazione del centro storico che solo parzialmente è entrato nel circuito della notte bianca.
Per quanto riguarda i costi, pare siano stati 45.000 euro, si è trattato certamente una spesa considerevole che può essere giustificata solo da valutazioni di esaltanti stime di recupero di presenze stabili durante l'estate. Ma come tutta la programmazione estiva anche la notte bianca deve rientrare in quella fase di revisione che già dalla prossima stagione deve basarsi sulla logica dell'efficientismo produttivo lasciando alle spalle il vecchio metodo della spesa "poco riflettuta" fine a se stessa.
Anche questa volta Borgo Chianura ha fatto la sua parte (dando senza nulla chiedere) con proiezioni molto seguite e con il seguente servizio che serve a documentare che la notte bianca c'è stata, e le foto mostrano il resto.
Antonio Cima

foto simbolo della Notte Bianca  di Amantea 2010
gruppo suonatori itineranti
i prodotti tipici via Dogana tra Margherita/libertà
via Dogana: la Via del Mare
la pasta e mollica di Surianoli in via Dogana c/o scuola elementare Manzoni
le monacelle di via Dogana
le proiezioni di Borgochianura via Dogana c/o scuola elementare Manzoni
Cicli Cima via Dogana
pza Falcone-Borsellino i Kalavria
Amantea Radio Net via Dogana c/o Griglia
artisti di strada itineranti
sculture viventi zucche via Dogana pescheria
sculture viventi ghiaccio via Dogana pescheria
via Margherita c/o ex benzina

via Margherita nello spiazzo ex benzina

pza Commercio Miko Marino
cso V.Emanuele
cso V.Emanuele
via Dogana c/o Foreign
via Dogana c/o Liberty
pza Cappuccini con Nek
Le seguenti foto sono state inviate da Tiziano Grillo a documentare la sua Notte Bianca in Corso Umberto durante la mostra fotografica