PARETI E MURALE DEL SOTTOPASSO FERROVIA IN VIA MARGHERITA DETURPATI
Lettera aperta a Nadi (destinataria del messaggio scritto sulle pareti)

   

Cara Nadi, 
anche se non sappiamo chi sei, se questo è il diminuitivo del tuo nome o se ti chiami in altro modo, ci rivolgiamo a te in quanto sei citata, con vernice a lettere cubitali, sul murale del sottopasso di via Margherita.
Ovviamente non ti riteniamo essere l’autrice della scritta. Molto più probabilmente l’autore è stato un tuo spasimante, una persona innamorata di te e che, pur avendo tanti altri modi per farlo, ti ha voluto dichiarare il suo amore in maniera così vistosa, per te ma anche per tante altre persone alle quali questa sua passione non interessa affatto.
Il motivo per cui indirizziamo a te questa lettera aperta – non sapendo chi sei siamo costretti ad utilizzare questa forma – è per darti un consiglio, anche se non richiesto. Una persona che per esprimere un qualcosa, un sentimento, anche se nobile, imbratta i muri e tutto quello che vi è stato creato, è da ritenere poco affidabile. Questa sua azione, infatti, denota un comportamento da persona che ha poco rispetto per gli altri (i muri e l’affresco appartengono all’intera collettività non sono un foglio di carta dove poter scrivere un messaggio da inviare all’amata…) e se una persona ha poco rispetto degli altri, certamente ne avrà poco, di rispetto, anche per te.
Questo tuo spasimante aveva tanti modi (privati: telefono, sms, internet, ecc.), per esprimerti il suo sentimento eppure ha voluto utilizzare il modo forse più inconcludente che potrebbe offendere tante altre persone. Forse ha voluto imitare alcuni politici che poco tempo fa hanno pensato di farsi propaganda attaccando i manifesti con le loro facce sul muro dove è raffigurato il “murale” con ben altro messaggio. Anche loro così rispettosi a parole degli altri hanno commesso la stessa “ingenuità” di mancanza di rispetto, di “inciviltà”. E ci sembra che non abbiano avuto molta fortuna nell’inviare il loro messaggio attraverso quel muro…
Auguriamo, invece, a te di avere più fortuna trovando una persona rispettosa di te e degli altri, mentre al tuo spasimante auguriamo la stessa sorte toccata a quei politici. Perciò, il consiglio che vogliamo darti è questo: lascia perdere le persone poco affidabili e dai credito solo a chi è leale e “civile” e che ti rispetterà in ogni momento.
Con simpatia e tutta la nostra comprensione
Roberto, Salvatore, Pietro, Biagio, Giancarlo, Anna, Saverio, Vincenzo, Rosalinda, Renato, Silvio, e tanti altri