8° festival scacchistico "Città di Amantea" - premiazione 05-09-2010

   

Dopo una settimana di gare piene di suspance e con risultati, a volte, sorprendenti, è finita anche l’ottava edizione del Festival Scacchistico Internazionale “Città di Amantea”.
Molto soddisfatti gli operatori turistici, infatti, al  piccolo calo dei partecipanti, ha risposto una presenza massiccia di interi nuclei familiari, a dimostrazione che l’idea di abbinare lo sport e la vacanza viene ampiamente condivisa all’interno del mondo scacchistico nazionale e internazionale. Alla luce di questi risultati già si pensa alla prossima edizione, cercando di migliorare sempre le varie offerte logistiche e sportive.
Nel torneo Magistrale si è imposto il Maestro Internazionale spagnolo Marcos Llaneza Vega che, dopo l’affermazione del francese Jean Baptiste Mullon del 2009, sposta un pò più ad occidente l’albo d’oro della manifestazione. Llaneza Vega ha preceduto nell’ordine il Grande Maestro Internazionale montenegrino Dragisa Blagojevic e il Grande Maestro Internazionale rumeno Gorge Gabriel Grigore. Alle spalle del trio il Maestri Internazionale italiano Duilio Collutiis, già campione italiano assoluto, ed il sorprendente siciliano David Isonzo che ha conquistato una norma di Maestro Internazionale.
Nel torneo Open ha primeggiato la giovane promessa marchigiana Giacomo Gregori (addirittura primo con un turno d’anticipo) davanti all’esponente del locale circolo “G. Crupi” Vincenzo Serratore, terzo il siciliano Massimo Tricomi. Molto positiva la partecipazione di numerosi giovani giocatori, con risultati apprezzabili, che premia gli istruttori e gli organizzatori, impegnati sempre più attivamente alla  diffusione del gioco degli scacchi. Al torneo Open hanno partecipato anche tre vincitori del “Progetto Ausonia”, selezionati dal sito tematico “Scacchierando.it”, precisamente Emanuele Vesce (seguito dal tutor GM Blagojevic), Andrea Manfroi (seguito dal MF Francesco Bentivegna) e Marco Lo Cascio (seguito dal GM Milan Drasko).
Per il torneo under 16 (confluito nel torneo Open),  Lorenzo Barca non ha avuto avversari precedendo la giovane promessa locale Angelo Cicero e Alessio De Luca.
Come manifestazioni collaterali sono stati giocati 2 tornei lampo, una “Sfida al Maestro” (2 contro 5 minuti), organizzata in collaborazione con l’Associazione AUSER di Amantea, e una simpatica gara a squadre, Calabria – Resto d’Italia, che ha visto impegnati ben 26 giocatori. Le due squadre, capitanate dagli arbitri Carlo Giovanni Liistro e Sergio Pagano (il terzo arbtro, Flavio D’Alessandro, ha fatto……..l’arbitro), si sono affrontate su 13 scacchiere; ha prevalso il Resto d’Italia (solo per un punto) premiato con libri e giochi gentilmente offerti dalla casa editrice “Prismascacchi”.