GIOVANI DEMOCRATICI CALABRESI A GUCCIONE: CHI HA SBAGLIATO SI METTA DA PARTE

   
 

L’esecutivo Regionale dei Giovani Democratici Calabresi, tra cui vi č l’amanteano Vincenzo Pugliano,  ha assunto una forte presa di posizione attraverso una lettera al segretario regionale del PD  Carlo Guccione.

(ANSA) - CATANZARO, 15 APR - "Chi ha sbagliato nelle scelte di questi ultimi anni e' giusto che si metta da parte e lasci ad una nuova classe politica la ricostruzione del partito. Questa e' l'unica possibilita' di avviare senza strappi una nuova stagione del riformismo calabrese". E' quanto si afferma nella lettera che l'esecutivo regionale dei Giovani Democratici ha inviato al segretario regionale del Pd, Carlo Guccione.

L'organismo direttivo dei Giovani Democratici sollecita un confronto altrimenti "saremo costretti - e' scritto nella lettera - a prendere una forte posizione di discontinuita' con le linee politiche adottate fino ad ora, posizione che comportera' le nostre dimissioni collettive e la creazione di un caso pubblico regionale e nazionale". "Consideriamo ingiustificabile - prosegue il testo della lettera - il fatto che ad oggi l'esecutivo regionale dei giovani non sia stato coinvolto nella tormentata vita del partito, ed e'grave sentire l'esigenza di presentarci a te visto che sono state molto rare le possibilita' di crescita e confronto con la nostra organizzazione. Sicuramente i convenevoli non fanno piu'al caso nostro, dobbiamo passare alla fase della concretezza e delle scelte. Lasciamo a voi organismi di partito l'analisi ufficiale del voto. Ognuno di voi dovra' farci capire quali siano state le cause di una cosi' dura sconfitta. Noi informalmente ci siamo fatti un'idea articolata su quanto accaduto, tale tesi prevarica le gravi responsabilita' personali e oggettive di chi ha governato la regione ed ha gestito il partito e punta ad un concetto primario: c'e' stato uno scollamento totale tra i calabresi ed il Pd". "Il nostro partito non e' riuscito ad entrare nel futuro della gente, anzi - prosegue l'esecutivo di GD - e' apparso come un insieme di interessi di parte senza un vero collante politico

e progettuale. Ovviamente per senso di responsabilita' abbiamo continuato a sostenere le iniziative di partito per quanto ci e' stato possibile, ma avevamo nel cuore e nella testa ben chiaro quanto di terribile si apprestava ad avvenire. Ma adesso non c'e' piu' tempo per le riflessioni nostalgiche sul passato, sono necessarie un'assunzione delle responsabilita' collettive e personali e un'acquisizione della consapevolezza del terremoto politico che e' avvenuto". E' necessario capire per poi agire - concludono i Giovani Democratici nella missiva a Guccione - e scegliere il destino della nostra organizzazione politica. Sperando nella tua lungimiranza politica ci auspichiamo un confronto con te e attendiamo un tuo tempestivo riscontro alle nostre richieste".

(ANSA).

COM-ATT/FLC

15-APR-10 21:07