COMUNICATO DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE IN CONCOMITANZA CON LA PARROCCHIA DI SANTA MARIA MAGGIORE IN AIELLO CALABRO

GRANDE SUCCESSO PER LA FESTA PATRONALE DI AIELLO CALABRO

La grande sinergia tra la parrocchia di Santa Maria Maggiore in Aiello Calabro e l’Amministrazione Comunale, con la collaborazione delle associazioni locali, è sfociata domenica 2 Maggio, in occasione della festa dedicata al santo Patrono Geniale Martire in un solenne festeggiamento che ha riscosso la partecipazione di tutta la comunità aiellese. Unendo celebrazioni religiose e civili, l’omaggio al protettore della cittadina è risultato essere ricco e coinvolgente ed ha regalato un momento di divertimento ed allegria come non si vedeva da molti anni. Con il rispetto di una tradizione che va in la nel tempo ormai, il mattino della prima domenica di maggio è iniziato con le due Sante Messe succedute dalla processione per i vicoli di un centro storico in festa con le pregiate coperte esposte dai balconi delle case. Librati in cielo anche i caratteristici “palluni de San Geniale”, artigianali mongolfiere fatte di velina colorata. Il primo pomeriggio è stato scandito dai giochi: il torneo medioevale del formaggio e dalle gare popolari per bambini in Piazza Plebiscito. A seguire, suggestiva messa all’aperto in piazza Santa Maria con il mezzobusto settecentesco del santo portato fuori, acclamato dal gruppo degli Sbandieratori del Palio di Bisignano, artisti che, dopo la funzione religiosa, hanno regalato una spettacolare esibizione davanti ad un nutrito pubblico. Epilogo del festeggiamento, percorso gastronomico affidato alle aziende aiellesi – Pidanna, Pineta, Aloisio, Valentino, Russo – che, offrendo succulente e tipiche pietanze, hanno allietato una serata da ripetere, sicuramente l’anno venturo. “San Geniale Martire è il nostro protettore – ha affermato Padre Jean Paul Bamba, parroco della cittadina – e avere un’intera comunità unita nel festeggiarlo mi ha riempito di gioia”. Secondo il primo cittadino Iacucci, “momenti come questi, che vedono l’interazione dei diversi protagonisti della comunità, aiutano a mantenerne unità, armonia e ospitalità per chi volesse godere di tradizione ed innovazione nell’omaggio al protettore di Aiello Calabro”.