LA CALABRIA, GRANDI GENI!!! di Antonio Aloe

   

 

Da una notizia di questi giorni presa dal Tgr Calabria, viene da pensare che in Calabria siamo governati da geni, la notizia recitava: riunione in prefettura di Cosenza, tra ANAS, Polizia Stradale e Protezione Civile, per predisporre un piano di emergenza per la viabilità autostradale nel tratto cosentino, tra Lagonegro e Falerna.

Tutto normale si direbbe, ma tutti questi cervelli a pensare il piano per evitare che per l’ennesima volta il traffico si bloccasse, e tutta Italia ridesse per la vergogna dell’autostrada bloccata,   tutto il piano dicevo, era la straordinaria pensata di chiudere l’autostrada, e dirottare il traffico sulla SS18, ottima pensata, cosi sull’autostrada niente macchine, niente code, che geni…

Ma avranno pensato a ciò che questa decisione avrebbe portato sulla SS18?

 Credo proprio di no, infatti in questi giorni sul nostro tratto di strada, e impossibile camminare, attraversare gli incroci e una vera avventura, sperando che tra gli automobilisti di passaggio e stremati dalle code fatte attraversando i tanti centri abitati, si trovi qualcuno a dare precedenza per fare attraversare l’incrocio, visto che pure i semafori sono lampeggianti.

Solo stamani, su quattro incroci principali di Amantea, sotto il sole cocente, uno dei soliti “noti”, il buon Vigile Policicchio, si dava da fare per far sfoltire il traffico uscente dalla Domenica commerciale di Amantea, era da solo all’incrocio tra la SS18 e Via Garibaldi, e gli altri incroci???

Nessuno ovvio, vista la mancanza di Vigili Urbani, e pensare che c’è chi se la ride restandosene comodamente dietro una scrivania al fresco dell’aria condizionata dell’ufficio di Paola, col benestare del nostro amato Sindaco, che fa finta di niente per non scontrarsi col procuratore…

Ma tornando al traffico insostenibile per una strada troppo piccola per questa mole di automezzi, possibile che nessun Sindaco si lamenti? Possibile che nessuno che amministra la costa Tirrenica si faccia sentire? Tutti muti, sordi e ciechi, tanto le conseguenze le patisce sempre il cittadino che niente può, tranne quando entra nella cabina con la matitina in mano… Ricordate, ricordate!!! 

                                                                                               Antonio Aloe