Tiziano Grillo: la Notte Bianca di figli e figliastri

   

 

 “ mpariti n’arte … e ancunu a minterà di parti”

 La Notte Bianca una manifestazione maestosa migliaia di persone nella nostra splendida cittadina, sicuramente l’evento dell’estate 2010 per il nostro territorio che per vari motivi non ha avuto i lustri del passato.

Quest’anno ho avuto la felice idea di voler partecipare alla notte bianca non da spettatore ma da operatore. Mi sono informato, ho compilato la richiesta per partecipare con una mostra fotografica, l’ho firmata e consegnata all’assessore che si è occupato dell’organizzazione, ho atteso che mi venisse comunicata la zona dove avrei potuto esporre al pubblico le foto di una mia mostra personale di fotografia e di una mostra collettiva dei ragazzi/e che hanno partecipato al mio primo corso di fotografia base. 

Il giorno dopo mi viene comunicato che la zona assegnatami era “la Chiazza” proprio di fronte al Comune di Amantea; sinceramente la cosa mi garbava parecchio considerando "la Chiazza" ed il centro storico la cornice ideale per eventi del genere.

Il 18 sera verso le 20.00 mi reco sul posto per allestire la mostra e li  mi rendo conto, anzi ho conferma, che come al solito ci sono figli e figliastri e che non siamo tutti uguali. Pensavo di trovare la zona con gli stessi allestimenti e la stessa organizzazione riservate “alla Taverna”,                      via Margherita, corso Vittorio Emanuele, via della Libertà: cioè strade chiuse, isole pedonali, stand, musica dal vivo, degustazioni, ecc.ecc. 

 In corso Umberto I niente di tutto questo, io solo ed unico a metà strada tra il Pub e la Gelateria Sicoli; niente musica dal vivo, per noi niente isola pedonale ,le macchina hanno circolato liberamente, niente divieto di sosta; il nastro e stato messo alle 20.30 dopo una mia lamentela con altro assessore che era sul posto, ma nonostante i suoi sforzi inutile metterlo a quell’ora, c’erano più di cento macchine parcheggiate ed era impossibile spostarle, infatti li sono rimaste.

La cosa che mi rammarica di più è vedere che, nonostante nella nostra cittadina siano successe tante cose, poco è cambiato. O sei amico, parente, compare, figlio di qualcuno o ti tocca sempre adattarti alle situazioni. Qualcuno mi ha anche detto che mi infastidiva il fatto di non essere giù tra la folla, che quello ferito era il mio ego: vi assicuro che non è così. Di certo se tante persone ammirano le mie foto ancor più riesco a trasmettere con esse le mie emozioni, le mie sensazione, e maggiormente risulta appagato l’impegno profuso.  Quello che però davvero mi dà fastidio è che si potevano pianificare meglio le collocazioni ed allestire qualcosa che spingesse la gente a salire nel centro storico di Amantea, oppure essere chiari fin dal principio e non inserire il centro storico negli itinerari della notte bianca. Sarebbe stato più corretto non tanto nei miei confronti, ma nei confronti di chi alla Chiazza lavora tutto l'anno.

 Certo un dubbio mi rimane: come mai chi ha organizzato le partecipazioni, che era a conoscenza della distribuzione delle attività e dell’intrattenimento sul percorso della manifestazione, mi ha piazzato li solo soletto ??????  Mi auguro che non sia nulla di personale !!!!!!

 Spero comunque che per il resto la manifestazione abbia appagato chi vi ha partecipato, spero di essere stato solo un’eccezione, e spero che in futuro la nostra cittadina trovi i lustri che merita perché sarebbe un vero peccato continuare a vedere sprecate tante potenzialità.

Ringrazio per lo spazio concesso a questo mio sfogo che non vuole innescare alcuna polemica ne tanto meno attaccare nessuno personalmente e mi scuso fin da ora se qualcuno si possa ritenere offeso da ciò che ho scritto.

 Tiziano Grillo