Nasce il Circolo dei Giovani Democratici di Cleto

   
 

Soddisfazione dei vertici Nazionali (Pugliano), Regionali (Guglielmelli) e Provinciali (Valente) 

Cleto – Non passa inosservato in una cittadina di 1400 abitanti la formazione di un movimento giovanile forte e deciso. “In una situazione socio-politica poco costruttiva - dicono i ragazzi di Cleto - sarebbe solo da irresponsabili mettersi a guardare ed attendere che qualcuno venga a risolvere i nostri problemi. Per questo motivo, sentiamo l’esigenza di dare voce ai ragazzi, che vogliono esprimere i bisogni, le  proposte e le perplessità sul modo di fare politica nella nostra cittadina che garantisce ben poco in chiave futura. Per avere questa possibilità, sposiamo il nostro progetto con quello dei Giovani Democratici. Fare parte dei Giovani Democratici, rappresenta per noi la possibilità di portare avanti lo sviluppo delle esigenze sociali, attraverso discussioni forti e motivanti. Il sistema partitico della 2° Repubblica ha subito un radicale cambiamento, provocando continui mutamenti nella società, creando sempre più  distacco tra rappresentati e rappresentanti. La formazione di un circolo in una piccola realtà come Cleto ci può ricondurre, almeno in parte, al riavvicinamento del rapporto cittadino-istituzione. Essere presenti in una società ammalata come la nostra e avere un collegamento con i vari circoli GD della provincia significa trovare quel punto di collaborazione che consente di confrontarci con tante altre realtà e poterne estrarre esperienze e proposte per la nostra comunità.

A tal proposito arrivano con grande soddisfazione gli auguri del Segretario Regionale dei GD Luigi Guglielmelli, del Coordinatore della federazione della Provincia di Cosenza Mario Valente e del Dirigente Nazionale dei GD Vincenzo Pugliano. I dirigenti in una nota evidenziano “l’importanza della presenza di un circolo giovanile in una piccola comunità che significa presidio di democrazia e punto di riferimento per quei ragazzi e studenti che si rivedono nelle idee dei giovani democratici e vogliono difendere i propri diritti. Il dovere dei GD sul territorio è quello di dare speranza ai nostri coetanei e costruire una regione giusta in cui ognuno può esprimere le proprie potenzialità. Ai ragazzi di Cleto va il nostro augurio di buon lavoro e la piena disponibilità e supporto in tutte le iniziative che vorranno svolgere”.  

“ La totale assenza di coscienza sociale negli ultimi anni – continuano i GD di Cleto - è il fattore principale che ha prodotto un elevatissimo livello di frammentazione sociale nel nostro paese. Protagonismo, presunzione, invidia e un forte senso di critica distruttiva sono elementi che alcuni cittadini dovrebbero iniziare a mettere da parte. Permettendo che quella buona parte di cittadini e soprattutto di giovani che hanno voglia d’impegnarsi abbiano i giusti spazi per esprimere le proprie idee e metterle in atto. Vogliamo essere costantemente impegnati a trasformare quella critica distruttiva in ragionamenti e far si che i nostri coetanei, possano investire nel nostro territorio  le loro intelligenze, le risorse morali e materiali. Per raggiungere questo obiettivo  serve anche l’esperienza di quei cittadini che amano il proprio paese. E' il momento di responsabilizzarci tutti, giovani e meno giovani.  Visto la situazione storica in cui Cleto si ritrova, siamo convinti che il dialogo e la collaborazione tra le persone , le associazioni e gruppi presenti nel nostro territorio sia l'unico modo per raggiunge determinati traguardi. Non è nostro intento rubare la scena di nessuno, ma sentiamo la necessità di dare il nostro contributo alla nostra cittadina e spronare i giovani di Cleto e tutte le coscienze sociali. Il nostro obiettivo e far risplendere Cleto”.

                                                                                               GD Calabria