IL COMUNE DI AMANTEA NON E' MAFIOSO
questo ha deciso il Consiglio di Stato accogliendo il ricorso della Giunta Tonnara
il nostro 25 Aprile anticipato di 24 giorni
liberi dall'onta di mafiosità che tanti danni ha procurato alla nostra immagine

   
 

L'emozione della Dignità ritrovata non consente immediate e oculate riflessioni e valutazioni che saranno fatte in seguito.
Posso solo esprimere la mia gioia per non dover più pronunciare il nome del Comune natio con imbarazzo dall'infausto agosto 2008.
Poter riprendere a parlare a testa alta di noi, di cosa siamo, del nostro meglio e del nostro peggio che pure esiste.
Immagino la sensazione degli amministratori che recuperano la dignità che precipitosamente era stata loro sottratta.
Ora si porrà il quesito di che futuro immediato si prospetta per Amantea. Una Consiglio  precario, qual'è quello che riprenderà posizione sugli scranni comunali, forse non è la soluzione idonea per affrontare gli enormi problemi di Amantea, che nel frattempo si sono aggravati.
La decisione spetterà in primis al reintegrato Sindaco Tonnara e poi a coloro che restano nel quadro consiliare.
Qualunque soluzione ne verrà fuori sarà certamente migliore di questa inidonea esperienza commissariale che, come più volte ho ribadito, mi  sembra, concettualmente e strutturalmente, una medicina peggiore del male che si pone di curare.
Quando la sede comunale ritornerà alla normalità, dopo il primo faticoso approccio di riposizionamento,  sarà opportuno valutare le condizioni che emergeranno.
Spero in un virtuoso periodo di riassestamento e, poi, ciò che dovrà essere fatto spero venga fatto.
Immagino che qualcuno sia precipitosamente andato dal sarto per farsi cucire un nuovo vestito adatto alla bisogna, come sempre succede.

Antonio Cima  01-04-2010

P.S. ad alcuni farebbe piacere che fosse un pesce d'aprile...ma, purtroppo per loro, è la verità.

il testo del Consiglio di Stato relativo all'annullamentoo