IMMAGINI DA AMANTEA
PASQUA 2009 - PROCESSIONE DELLE VARETTE - venerdì 10 aprile 
leggi note descrittive in fondo

    
i canti sono quelli antichi cantati da Tommaso Bazzarelli 
sotto vedi le foto fisse
     -     video 1° Popolo mmi deo     -     video 2° Miserere     -    video 3° Marcia      -    video IL MEGLIO

puoi accedere anche su YouTube per vedere IL MEGLIO
 
 sopra vedi le foto fisse     -     video 1° Popolo mmi deo     -     video 2° Miserere     -    video 3° Marcia
i canti sono quelli antichi cantati da Tommaso Bazzarelli

La Settimana Santa ad Amantea
Non abbiamo notizie certe sull'origine del solenne e commovente rito processionale che si svolge ad Amantea il Venerdì Santo. Può essere stato istituito dai Frati riinori Osservanti del cenobio di S. Bernardino da Siena, nel sec. XV, sull'esempio di ciò che facevano i loro confratelli in altre zone d'Italia; oppure, ed è l'ipotesi più probabile, dai primi Gesuiti venuti nella nostra città nel 1619 per edificarvi il celebre Collegio con l'annessa chiesa di S. Elia Profeta. I Gesuiti erano abili organizzatori di scenografìche cerimonie religiose, oltre che di drammatici riti penitenziali. La processione veicola un potente messaggio con diversi significati, riattualizzando i vari episodi legati alla Passione di Cristo, con l'ausilio di statue processionali che sfilano per le vie della città accompagnate da una moltitudine di fedeli che intonano canti religiosi tradizionali di origine medievale. Al suo allestimento provvede la Confraternita della Beata Vergine dei Rosario istituita verso la fine del 1500 e composta dai marinai di Amantea. Un primo, interessante fenomeno di sincretismo lo si può osservare nella collocazione davanti agli altari delle varie chiese, durante la settimana santa, di vasi di gracili e pallidi steli prodotti dal- la germinazione di semi di cereali fatta avvenire al buio, nell'interno delle case.
Tale rituale simboleggia l'interruzione del ciclo vegetale e la sospensione del tempo profano durante la passione e la morte di Cristo e fino alla sua resurrezione. Tornando al rito processionale, bisogna dire che, nel suo itinerare, delimita uno spazio che viene immunizzato dalla contaminazione della morte in virtù della carica simbolica contenuta nelle rappresentazioni sacre e nel messaggio cristiano di trionfo sul nulla e di speranza di rinascita. I canti religiosi tradizionali che variano dai semplici ritornelli emotivi stereotipi a quelli di intenso contenuto drammatico, sia per la continua iterazione che per le struggenti e malinconiche note delle diverse melopee possono essere accostati ai lamenti funebri in uso nei rituali privati della morte fino a qualche decennio fa.
Le note esplicatice di cui sopra sono state integralmente prelevate dal sito dell'amministrazione comunale di Amantea.
il termine Varetta è la traduzione dialettale di barella, piedistallo (base di sostegno per trasportare una statua); è un termine ampiamente diffuso nel sud Italia; in alcuni luoghi si svolge la processione delle VARE.

 

www.borgochianura.it paesaggi ed eventi sociali.di Amantea: foto , filmati , tradizioni , canti e varie immagini.
Paesaggi: panorami , scorci , monumenti , mare , spiagge , scogli , chiese , grotta , castello , tramonti , notturni.
Eventi: Natale (novena), Pasqua ( varette ), Carnevale (sfilata carri), fiera , processioni religiose , manifestazioni sociali.

Cultura: Antiche e nuove poesie dialettali , proverbi , aforismi , metafore , dicerie , cucina , vecchi mestieri , vecchi giochi.
Canti più noti: del Natale la "Ninna"; di Pasqua "Stabat Mater", "Miserere", "Popolo mmi deo".