SONDAGGIO CENTRI STORICI DE "IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA"

    


il sondaggio web sui centri storici più belli della Calabria de "il quotidiano della Calabria" è attendibile?

Riflettete: Sellia (indubbiamente bel centro storico che merita consenso) da Sola 3368 voti, mentre soli 2389 voti per Tropea + S.Severina + Gerace + Scilla + Amantea + Pizzo + Morano + Crotone + Scalea + Roccella + Corigliano + S.Marco + Pentedattilo + Altomonte + Stilo + Bova + Guardia P. + Le Castella + Oriolo + Rossano + Squillace.
E c'è di peggio perchè Sellia ha preso, da sola, più voti dei 30 centri storici che gli esperti (?) del quotidiano hanno indicato, suppongo, come i più rappresentativi.
Come un partito che si presenta per la tutela della foce del Neto e prende in Calabria più voti di tutta la coalizione di centrosinistra.
Per meglio capirci parliamo di calcio e immaginiamo ad un certo punto, per i valori oggettivi che conosciamo delle squadre, una classifica del tipo: Empoli 62, Inter 21, Milan 17, Juve 14, Roma 11, Fiorentina 7; vi sembra possibile questa classifica? Allora ritorniamo al sondaggio e cerchiamo di capire ragionando per ipotesi iper possibilistiche (molto, molto iper).

Generalmente ognuno vota il proprio comune (raramente si votano altri comuni..figuriamoci).
Sellia ha meno di 6.000 abitanti, supponiamo 3.000 nuclei familiari, supponiamo 1.500 computer, supponiamo che '80% ha votato ed abbiamo 1.200 voti.
Siccome Sellia è bella, e merita, posso pensare che altri del circondario la votino e arriviamo, per così dire, a 1.500 voti. come si sale a 3368 voti?
In realtà si potrebbe arrivare a molto, tanto di più, con una banale operazione di seguito illustrata.
il voto, che dovrebbe essere unico per ogni computer, può essere artificiosamente ripetuto all'infinito.
Introduco un semplice concetto tecnico (evito terminologia e inglesismi per facilitare la comprensione): quando si accede ad un sito, i programmi che gestiscono il dialogo possono creare un dato sull'aria temporanea del computer utente; quando si ritorna su quel sito da quel computer, il programma, trovando presente quel dato sull'area temporanea, può inibire il dialogo e, nel caso del concorso, segnala che il voto è stato già espresso.
Con un piccolo e semplice artificio e possibile saltare questo impedimento e rivotare all'infinito. Come?
Affrontiamo la parte tecnica, che può sembrare astrusa per chi non ha dimestichezza, ma che in realtà è elementare e che gran parte di chi opera abitualmente sul computer conosce perfettamente ed esegue ad occhi chiusi.
 
Proseguo facendo riferimento ad una impostazione Windows XP tra le più ricorrenti; i concetti sono universali e valgono anche per altre configurazioni.
-cliccare sullo START posto in basso a sinistra;
-puntare il pannello IMPOSTAZIONI
-selezionare PANNELLO DI CONTROLLO
-cliccare sulla icona OPZIONI INTERNET
-della voce di menu CRONOLOGIA ESPLORAZIONI cliccare su ELIMINA
-sul pannello successivo cliccare su ELIMINA COOKIE
-confermare cliccando sul SI che segue.
A questo punto il computer viene liberato dalle cookies dell'area temporanea (del sondaggio ed di eventuali altri programmi) e si può rivotare.
Ovviamente si sconsiglia di fare questo, per serietà e sicurezza, di votare una sola volta osservando principi di correttezza, lealtà e civiltà.
In base a quanto sopra descritto chiunque, a conoscenza di questo piccola furbizia, potrebbe aver fatto il bello e cattivo tempo sui voti.
E allora chiedo a tutti: possiamo essere sicuri che la classifica pubblicata rappresenti il vero giudizio e gradimento che i calabresi hanno dei loro centri storici?
Non v'è dubbio alcuno sulla volontà di correttezza e legittimità del gestore del sondaggio (probabilmente solo una sottovalutazione tecnica); si può, però, dissentire dai toni euforici degli articoli che proclamo i risultati giorno dopo giorno.

Personalmente mi sento un pò defraudato della poca intelligenza che mi ritrovo pensando che qualcuno pensi di non essere in grado di pensare (scusate la cacofonia) che Sellia, lo 0,28% della popolazione calabrese, abbia il 16,84% dei voti (60 volte la sua capacità) su una base di 409 comuni calabresi; la cosa diventa paranoica se consideriamo che hanno votato in 20.000 che è l'1% dei calabresi. Se dovessero votare tutti i calabresi (supponendo come sopra 1 computer ogni 4 abitanti che vuol dire 500.000 votanti) Sellia avrebbe 84.200 voti ovvero quasi 15 volte i suoi abitanti (un tale consenso non lo avrebbero nemmeno Capri in un sondaggio nazionale sulle isole).
In tutto ciò, ovviamente, non c'entra niente Sellia, la sua gente, i suoi amministratori; E' certamente opera di più buontemponi, esperti quanto basta di computer, che, eccessivamente innamorati della loro bella cittadina, cercano di darle visibilità maggiore di quella che non ha e che meriterebbe.
Forse questi signori non pensano che, a tirarla troppo, anche la corda della credibilità si spezza.
Mi sorprende che ciò avvenga sul "Quotidiano della Calabria", di cui sono assiduo lettore, che considero un giornale contro corrente, che contesta i tentativi di orientamento dei poteri forti, che assume sempre posizioni a favore della verità.
So che esistono problematiche ben più importanti di questo sondaggio-gioco, che forse sarebbe stato meglio dedicare questo tempo ad altro, ma, come ormai vò ripetendo:"per cambiare le grandi cose bisogna cominciare a cambiare ciò che di sbagliato c'è nelle piccole cose".
Antonio Cima
Amantea 17-07-2009